mercoledì 22 giugno 2011

Crostata lievitata per la "Pupattola"

Mi scuso tanto se non riesco più a passare per i blog dei miei amici, non mi è quasi più possibile aggiornare nemmeno il mio...il tempo a disposizione è talmente poco e gli impegni così tanti, che sono stata costretta a fissare delle priorità.
Tuttavia il contest in questione non poteva lasciarmi indifferente: la nascita di una creatura è un evento così importante ed immenso che il minimo che potessi fare era unirmi alla gioia di questi fantastici genitori per la nascita della loro principessa. E come festeggiare se non con una meravigliosa torta tanto semplice nella preparazione, quanto buona e raffinata?





Si tratta di una frolla lievitata, ripiena di crema pasticcera variegata da ciliegie sciroppate casalinghe. Ecco la ricetta:

Ingredienti per la frolla:
400 g di farina
120 g di zucchero a velo
2 uova
1 tuorlo
80 g di burro
la rapatura di un limone
1 pizzico di sale
1 bustina di lievito istantaneo per torte salate.

Ingredienti per la crema pasticcera:
400 g di latte
100 g di panna fresca
2 uova intere
60 g di farina
120 g di zucchero
la buccia di un limone
un pizzico di sale

Ingredienti per le ciliegie sciroppate:
350 g di ciliegie
140 g di zucchero di canna
70 g di limoncello

Ingredienti per la composizione della crostata:
1 panino raffermo o del pangrattato o dei biscotti grattugiati
zucchero in granella
zucchero a velo





Preparazione:
Il giorno prima preparare la crema pasticcera e le ciliegie sciroppate.
Per la crema:
Unire il latte, la panna e la buccia del limone e far arrivare quasi a bollore. Nel frattempo, montare le uova ed il tuorlo con lo zucchero, aggiungere quindi la farina setacciata ed un pizzico di sale.
Dopo aver eliminato la buccia di limone, versare il latte bollente sul composto, amalgamare bene e rimettere sul fuoco girando continuamente fino a che la crema non si addensa.
Far raffreddare coperta con la pellicola a pelle.
Per le ciliegie sciroppate:
Cuocere in un tegame a fuoco vivo le ciliegie intere con lo zucchero ed il limoncello. Farle raffreddare e denocciolarle. Coprirle e lasciarle riposare in frigo.
Per la frolla: 
Setacciare la farina con il lievito e iniziare ad impastare con il burro; aggiungere lo zucchero a velo, il pizzico di sale, la rapatura di limone e le uova.
Impastare velocemente.
Composizione della crostata:
Tenendo da parte la quantità sufficiente per coppare i cuori della superficie, stendere la frolla da 1 cm di spessore, in uno stampo a cerniera da 26 cm imburrato.
Bucherellare bene il fondo e ricoprire con il pane raffermo tostato e grattugiato o il pangrattato o i biscotti grattugiati. 
Con una frusta sbattere la crema pasticcera per renderla cremosa, stenderla sullo strato di pane grattugiato e ricoprire con le ciliegie ed il loro sciroppo.
Con uno stampino a forma di cuore coppare tanti cuoricini quanti ne serviranno per coprire la superficie. Aggiungere la granella di zucchero negli spazi che rimangono vuoti ed infornare a 180° per circa 40 minuti.
Una volta raffreddata, spolverare la crostata con zucchero a velo.
N.B. Nella cottura lo sciroppo entrerà nella crema pasticcera variegandola.


Con questa ricetta partecipo al contest: "UNA RICETTOLA PER LA PUPATTOLA"



27 commenti:

  1. ma che piacere rileggerti Lory!!e che meraviglia hai sfornato!!baci!!

    RispondiElimina
  2. Grazie ragazze!!
    Federicaaaa sei sempre tanto carina! Un bacio grande grande!

    RispondiElimina
  3. Grazie Mirtilla e ben ritrovata!! :*

    RispondiElimina
  4. Ciao Lory,bella e squisita questa crostata!Era un po' che aspettavo una tua ricetta e finalmente è arrivata!Un abbraccio e buona serata!

    RispondiElimina
  5. Elisaaaa!! Ciaooooo!!! Che piacere leggerti e sapere che mi aspettavi! Prometto che cercherò di pubblicare più spesso: ho parecchie foto archiviate, devo solo trovare il tempo di stilare le ricette.
    Un bacione a te, allo "gnocco" :D e ai bimbi :*

    RispondiElimina
  6. a chi lo dici, il tempo non basta mai. complimenti per questa splendida crostata.

    RispondiElimina
  7. Lory, per noi è un onore che tu abbia partecipato al nostro contest, per di più con una crostata che ha del divino, hai sfornato qualcosa di veramente delizioso, goloso, interessante. Non abbiamo mai preparato una frolla lievitata, ma la tentazione di provarla presto a nostra volta è fortissima. Grazie ancora, siamo felicissimi!
    Un bacione e buona giornata
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  8. Marsettina grazie! E grazie per essere passata a trovarmi. Smack. :)

    Sabrina l'onore è mio perchè so questa ricetta non andrà mai persa e, in quanto dedicata ad Alice Ginevra, farà parte di un libro che lei da grande consulterà. E' bellissima questa cosa!
    Un bacione e buona giornata a te e Luca. :*

    RispondiElimina
  9. Sembra davvero appetitosa! :D

    RispondiElimina
  10. Ciao Lory! non immagini quanto siamo felici di risentirti!!! ma che fine avevi fatto?? sempre più brava in cucina però!!
    Questa torta è davvero molto bella ed inviatante! un dolce pensiero per la pupattola...che assaggeremmo volentieri anche noi!!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Grazie Anna. Lo è veramente!

    Gemelline mie belle!!! Sono stata molto impegnata: ho frequentato corsi a Mestre (Max Mariola) a Torino (Montersino)a Milano (Cavallaro e V.Varese) e ultimamente in provincia di Vicenza 3 lezioni dal bravissimo Claudio Venturini. Inoltre ho frequentato regolarmente il primo anno scolastico di tre, sono iscritta al corso pomeridiano per adulti all'alberghiero di Venezia, che mi darà il titolo di Tecnico dei servizi della ristorazione ed ho in piedi una proposta di lavoro molto allettante. Ora, finchè ci sono gli esami (figli), sono "sepolta viva" ed ho un po' di tempo da dedicare alla blogosfera, quindi...eccomi qui!!
    Due grandissimi bacioni.

    RispondiElimina
  12. Amiamo in modo particolare i dolci da forno,questa crostata è una bontà!!Anche noi essendo della zona,abbiamo frequentato dei corsi con Claudio Venturini..una meraviglia di pasticcere!Complimentissimi per tutto quello che stai facendo!Piacere di averti ritrovata "Babà e bignè" alias Pat e Spery

    RispondiElimina
  13. Grazie mille ragazze! Ho visto che siete di Venezia e Treviso, ma di Venezia centro-storico o terraferma? Io abito in centro storico.
    Buona serata e grazie per essere venute a trovarmi. :)

    RispondiElimina
  14. Terraferma Lory,per la precisione Riviera del brenta-Dolo,ma abbiamo messo Venezia per semplificare (un bel pò di differenza dallo splendido centro storico, senza nulla togliere alla bellezza della riviera...).Devi sapere che la nostra amicizia è nata alla Casetta delle pesche durante un corso di panificazione,lo scorso settembre...da lì la nascita del blog (madrina : Carola)

    RispondiElimina
  15. Beh, Venezia è Venezia, ma anche la Riviera non scherza. Io ne sono innamoratissima!! Sono stata un paio di mesi fa ad una serata per conoscere Susy del Blog "Lo scrigno delle bontà" e salutare Sonia Peronaci e famiglia che avevo conosciuto alla mia partecipazione al Vinitaly; il mio oculista ha lo studio a Dolo e a Mirano. :)
    Carola è un amore di donna e la casetta delle pesche sembra essere collocata in paradiso. A quel corso avrei dovuto esserci anch'io, ma erano i primi giorni di scuola e non sapevo ancora come gestire le lezioni...
    Peccato, ci saremmo conosciute. Ma ci saranno sicuramente altre occasioni.
    Ciao e bacioni

    RispondiElimina
  16. ciao Lory..stavo cercando una torta simile..mi leggi nel pensiero..ora me la studio un abbraccio grande!!!!!!!

    RispondiElimina
  17. scusa Lory perchè usi il lievito per torte salate..??? grazie e baci.!!!!

    RispondiElimina
  18. Ciao Pattyyyy! :*
    Ma come, non lo sai che ho la sfera magica? ahahahh!!
    Scherzi a parte, BRAVA perchè ti sei accorta del lievito. E' una cosa che mi ha insegnato il maestro Claudio Venturini. A livello di efficacia non cambia nulla, la differenza è nel fatto che il lievito per dolci, rispetto a quello per i salati, contiene vanillina, sostanza prodotta chimicamente. ;)
    Un grande abbraccio anche a te. :)

    RispondiElimina
  19. A-haaaaa ma allora sei tornata sul luogo del delitto!
    Che bello rileggerti anche in "casa tua": spero che la prossima pausa di pubblicazione non sia così lunga!
    La "crostatola per la pupattola" è davvero invitante: gli ingredienti sono tutti di mia sentita estimazione! :)

    Non farti più desiderareeeee! ^^

    RispondiElimina
  20. No, no Anna stavolta mi sono ricaricata per bene e mi è venuta voglia di pubblicare tutto ciò che ho archiviato. Nel giro di un paio di giorni ho già aderito a 3 contest e non posso perdere la faccia.... ;D
    Vorrei anche rinnovare l'abitino del blog, ma la cosa è troppo impegnativa per me e la vedo dura... :D
    Ciaooo e buon weekend. Se Dio vuole, finalmente domani vado al mare....

    RispondiElimina
  21. Intanto bentornata!!! Allora se il lievito per dolci (adopero quello inglese)è senza vanillina va bene ugualmente? Mannaggia Lory, in questo periodo ti sei data da fare... Ciao cara e buona domenica!!!

    RispondiElimina
  22. Ma ciao Solema e grazie! Il "baking" è il lievito che usa Venturini ed è il migliore, purtroppo da noi si trova solo in rari negozi specializzati, così ci ha detto di usare quello per impasti salati.
    Ciao carissima, buona domenica a te. Io, se Dio vuole, domani me ne vado al mare, finalmente! ;*

    RispondiElimina

Il tuo commento è sempre gradito. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...