lunedì 16 luglio 2012

Millefoglie di gelato fiordilatte alle noci caramellate con salsa di albicocche e pesche al rum aromatizzata col pepe






"La cosa più pericolosa da fare è rimanere immobili....."


Ricomincio da qui.






Dopo mesi di studio intenso, tra maggio e l'inizio di giugno ho sostenuto le varie prove d'esame che mi hanno dato la qualifica di "Operatore di Sala/Bar" con un punteggio di 99/100.
Tra la scuola, la famiglia, la casa ed il caldo insopportabile dopo, non avevo più le forze per pubblicare le mie ricette anzi, se devo dirla tutta, non avevo proprio più voglia di cucinare.
Il mio cervello era andato in vacanza senza neanche avvertirmi.
L'unico mio pensiero era quello di riposare e liberarmi da tutto lo stress accumulato in questi ultimi mesi.
A quanto pare ci sono riuscita: ora mi sento carica e pronta a rimettermi in carreggiata.
La molla è scattata dopo l'invito al Foodworkshop a Città del gusto di Roma, organizzato dalla Sammontana/Tre Marie, a cui sono stata invitata lo scorso 6 luglio.






Eravamo in 30 foodblogger, ne conoscevo solo 3 di persona: Ady e Alex, con le quali da qualche mese c'è grande feeling, alle quali tengo molto e per le quali nutro grande stima; e Marco, incontrato dapprima nei vari gruppi di facebook, a cui facciamo parte entrambi, e poi a Roma, durante un mio passaggio a fine giugno. Lui è un ometto (oh, Marco, è detto con benevolenza. eh!!! :D ) simpatico e gioviale, col quale mi piace molto ridere e scherzare, ma anche parlare, perchè davanti ad un caffè, quella mattina quando sono andata a trovarlo, abbiamo parlato di tante cose, intersecando quelle positive a quelle negative, ridendo anche sulla piega che avevano preso i nostri discorsi...
Sono stata contentissima di abbracciare finalmente Morena (il colmo dei colmi è che siamo venete tutt'e due e ci siamo incontrate per la prima volta a Roma), Imma e di essere stata in compagnia con Francesca finchè si aspettava l'ora di riprendere il treno per tornare a casa .
Con le altre non c'è stato tanto scambio là direttamente, questo è avvenuto dopo, e si sta via via sviluppando adesso con i contatti web. Eravamo in troppe e tutte impegnate nel prestare attenzione a ciò che avveniva intorno a noi.

La giornata è iniziata con Leonardo Bagnoli, Amministratore delegato dell'azienda, che ci ha raccontato la storia della sua famiglia e spiegato la strada percorsa da quello che sarebbe poi diventato uno dei marchi industriali tra i più conosciuti d'Italia.






Tutto è iniziato dal bar-latteria in via del Giglio a Empoli, acquistato dal nonno Romeo nel 1946.






Il periodo però era molto difficile, nei primi del dopoguerra non era per niente facile sbarcare il lunario, così nonno Bagnoli maturò l'idea di vendere tutto. L'insistenza a desistere dei figli, soprattutto di Renzo, il maggiore, lo convinse a non mollare.
E fu così che: "A metà degli anni Quaranta, data la penuria del bestiame causata dalla guerra, si poneva il problema del reperimento del latte. Si racconta che a Empoli non fosse rimasta una sola mucca da latte e le autorità chiesero al conte Dziediszky, proprietario della fattoria Sammontana a pochi chilometri dal paese, di trasferire alcuni capi di bestiame che teneva in un altro suo possedimento nelle Marche. Sette mucche partirono così alla volta della fattoria Sammontana. La produzione di latte risultò eccessiva rispetto alle esigenze e il proprietario di una piccola latteria nel centro di Empoli si fece avanti e stipulò un accordo con il conte, per usufruire dell'eccedenza: era Romeo Bagnoli. I gelati fatti con il latte fresco della fattoria Sammontana non tardarono a farsi un'ottima fama, in paese e non solo".

In cattedra sono poi saliti: Maurizio Santin, con i suoi consigli su ciò che avremmo dovuto preparare noi nel pomeriggio;





Pino Galloni, food stylist, e Luisa Vallieri, fotografa che hanno arricchito il nostro bagaglio di conoscenze con delle chicche riguardanti alcuni accorgimenti di cui dover tener conto per la preparazione del piatto e la fotografia delle nostre preparazioni.






Dopo aver pranzato, siamo scesi al secondo piano, dove è stato girato il format "Cucina di classe", al quale ha partecipato la mia amica Ady, che si è subito piazzata sul posto che aveva all'epoca della trasmissione.







Abbiamo avuto anche una graditissima visita a sorpresa: Laura Ravaioli.






Sul banco davanti a noi c'erano tutti gli ingredienti di cui avevamo bisogno per creare una ricetta a base di gelato Sammontana e brioche Tre Marie, azienda leader di prodotti lievitati dolci da forno, acquistata recentemente dal marchio Sammontana.
Qui l'assalto, senza avere nessuna idea concreta per la testa.






Il mio spirito ribelle e la mia avversione per le cose imposte in un primo momento non hanno dato spazio alla mia creatività, ma la mia vena artistica ha avuto il sopravvento ed ho iniziato a dar sfogo alla mia fantasia, avendo già da subito in bocca la percezione del gusto di ciò che sarebbe stato poi il piatto finito.
E' così che è nata la mia "Millefoglie di gelato fiordilatte alle noci caramellate con salsa di albicocche e pesche al rum aromatizzata col pepe".
Non è una ricetta vera e propria quella che sto per dare, ma la spiegazione di come l'ho realizzata e delle sensazioni che provavo mentre improvvisavo...

Ho iniziato senza avere la più pallida idea di cosa avrei preparato. Anzi, non ero neanche sicura che da quello che avevo sul mio banco da lavoro, mi sarebbe risultato qualcosa di presentabile. Il buio più totale.
Uscita dalla mia postazione, ho guardato dall'esterno tutto ciò che secondo me poteva servirmi. Non mi piaceva nulla di ciò che vedevo, solo le noci caramellate e le fettine di croissant che avevo appena tostato, non avrei mai scartato.
In quel momento, incuriosito da ciò che stavo facendo, si è avvicinato a me un signore che fa parte dell'azienda. Vedendomi in difficoltà, mi ha citato una frase del film Amici miei atto II:
"Che cos'è il Genio? È fantasia, intuizione, colpo d'occhio e velocità di esecuzione" ed ha aggiunto: "E lei con quegli occhi le ha tutte. Si metta all'opera. Sono sicuro che ne uscirà qualcosa di molto buono!".
Spinta dalla carica di questo incoraggiamento, da lì a poco l'idea mi è balenata non appena i miei occhi hanno incrociato una bottiglia di rum: un flambè.
Impossibile da farsi perchè la piastra a disposizione era a induzione e la padella non era adatta a quel tipo di cottura. Poco male, allora...via tutta la frutta che avevo già preso, in cambio di una pesca e 4 albicocche, che ho spellato e tagliato a brunoise.
Ho messo un po' di zucchero a scaldare in una padella prima di aggiungere la dadolata. Dopo che lo zucchero si è sciolto nel liquido rilasciato dalla frutta, ho spruzzato abbondantemente di rum, lasciato evaporare e spento immediatamente.






Ho preso del gelato al fiordilatte e vi ho mescolato delle noci caramellate.
Tutto era pronto per la composizione del piatto:
- dadolata sul fondo;
- strati alternati di sfoglia di croissant e gelato con noci caramellate;
- e, come tocco finale, una bella macinata di pepe sulla salsetta di frutta.

Ho invitato quindi quel signore gentilissimo e Marco ad assaggiare il mio dolce. L'abbiamo diviso in tre. Mi sono raccomandata di non separare i gusti, bensì di assaporarli tutti assieme perchè solo così si poteva sentire l'armonia e l'equilibrio che c'era tra di loro.
"Che le avevo detto? Lo sapevo che sarebbe stata all'altezza. Nessun gusto prevale, gli equilibri dei sapori sono perfetti tra di loro. Brava!"
L'apprezzamento e i complimenti di quel signore e di Marco mi hanno inorgoglito e riempito di gioia.
Ce l'avevo fatta ad esprimere ciò che volevo: l'acidulo della frutta sgrassava il palato e lo puliva dal dolce del gelato, lasciando un piacevole retrogusto piccante che manteneva la bocca fresca. Il tutto arricchito dallo scrocchio delle noci caramellate che non guastava affatto.
Ed avevo vinto ancora una volta la sfida con me stessa.

Ah, quel signore si chiama Piero Piccini ed è l'uomo Sammontana sul territorio, quello che va a visitare i clienti che hanno problemi di prodotto o di cotture. E' un ex pasticcere.

Grazie signor Piero, per aver creduto in me ed avermi spronata a tirar fuori tutta la grinta e la passione che ho per quest'arte. L'abbraccio con affetto!
Grazie anche alla bellissima Chabha Ladijci che mi ha contattata per invitarmi all'evento e ci è stata vicino dal nostro arrivo alla nostra partenza.
E grazie anche alla Sammontana per l'opportunità offertami.

La foto finale del gruppo è doverosa.







N.B. Cliccando sulla foto della mia preparazione, si aprirà il collegamento alla pagina fb da cui si può dare la preferenza cliccando il tasto "Like".
Grazie a chi lo fa, e grazie lo stesso a chi non lo fa. :)














18 commenti:

  1. complimenti per questa interessante iniziativa, e soprattutto per la ricetta, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio molto Silvia!
      Un grande abbraccio a te. :*

      Elimina
  2. sei rientrata alla grande, bello rileggerti !Un bacione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Chiara, e non vedevo l'ora!
      Grazie mille, sei speciale!
      Ricambio di cuore il bacione

      Elimina
  3. L'ho già detto che mi piace ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah! Antonietta sei fortissima!!
      Un bacio. :D

      Elimina
    2. Mi inchino davanti a quell 99/100!!Non credo che è pericoloso,così tanto, rimanere immobili?Visto quello che hai combinato?Anche se ti attaccassero ad un palo, come si faceva un tempo nelle tribù degli indiani APACHE, la tua classe,il tuo stile,la tua fantasia vincerebbe ugualmente su tutti!!Beata te che hai il cervello che va in vacanza?Adesso chi ti ferma più!!AUGURI SINCERI PER QUESTA TUA QUALIFICA TANTO SPERATA, FATTA DI TANTI SACRIFICI E DI SUDORE, IN COMPENSO TI HANNO REGALATO UNA GIOIA IMMENSA!!LODE A TE CHE SEI LA REGINA DELLA GASTRONOMIA ITALIANA!!CON AFFETTO E CON UN ABBACCIO CALOROSO..TI PORGO I MIEI SALUTI..PECCATO CHE SONO VIRTUALI E NON LI PUOI SENTIRE!CIAOOOOOOOOOOOOOOOOO..LORY!!CORDIALMENTE L'AMICO BABBà!!A PRESTO!!

      Elimina
    3. Mamma mia Babbà che foga!! :))
      Ti ringrazio molto per la considerazione che hai di me. Nel limite delle mie possibilità, cerco di fare con passione e professionalità tutto ciò che mi piace, soprattutto in questo campo.
      Grazie ancora, caro amico!
      Un affettuoso abbraccio.

      Elimina
  4. Bello....e anche l'articolo dentro il tuo blog....ho letto con piacere della Sammontana ...ricordi della mia adolescenza quando ci siamo trasferiti a Empoli e mio padre era stato chiamato dai Bagnoli a fare il Direttore Tecnico di quella Azienda ....ho lavorato anche io durante le vacanze scolastiche per tre anni lì dentro all'ufficio posta e non vi dico i gelati che mangiavo insieme ai miei colleghi direttamente dalla lavorazione ........niente a che vedere con quelli già confezionati......UNA GODURIA :-)))))Saluto con affetto tutti i Bagnoli e in particolare il sig. Loriano che chissà se ricorderà dopo tanto tempo della figlia del sig.Battini Virgilio e cioè io....loro sono sempre nei nostri ricordi.....grandi persone ,semplici,umili e genuine.
    Un abbraccio a tutti di cuore
    Arianna Battini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bel commento, Arianna!
      Sono felicissima sia perchè tu abbia scritto queste parole, sia perchè mi confermi ciò che avevo percepito riguardo alla famiglia: persone semplici, umili e genuine. L'avevo capito subito!
      Sono sicura che a loro farà molto piacere leggere tutto questo.

      Elimina
  5. Davvero una bella esperienza e tanti auguri per la tua qualifica :)

    RispondiElimina
  6. Sì, lo è stata!
    Grazie per gli auguri, ma la qualifica è solo stata una tappa obbligata di percorso per arrivare, il prossimo anno, al diploma di Tecnico dei servizi della Ristorazione. Quest'inverno dovrò impegnarmi un bel po'.... :DDDD
    Un bacio

    RispondiElimina
  7. Complimenti lory per il traguardo raggiunto e per questa bellissima esperienza. buon pomeriggio Daniela.

    RispondiElimina
  8. Grazie Daniela!
    Un abbraccione

    RispondiElimina
  9. ciao, che bel blog! mi sono unita ai tuoi lettori, sostienimi e passa a trovarmi se ti va:

    dolcementeinventando.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! :)
      Appena ho un po' di tempo ti passo a trovare.
      Buona giornata!

      Elimina
  10. Vedo adesso questo post..che io non ho fatto non avendo foto decenti da pubblicare..è stata una bellissima esperienza ed anch'io sono stata felice di abbracciarti finalmente!!!
    spero possa succedere ancora e che non passi una vita!!
    Un abbraccio
    Morena

    RispondiElimina
  11. Non facciamo noi passare una vita, che dici? ;)
    Un bacione

    RispondiElimina

Il tuo commento è sempre gradito. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...