mercoledì 25 marzo 2009

Gli Ambrogini

Da noi si chiamano così e non sono altro che panini semidolci da gustare soli a colazione, col dolce e col salato.
Nei nostri buffet o feste di compleanno non mancano mai, magari imbottiti di nutella oppure col prosciutto crudo o ancora col salame ungherese.
Quanto sono buoooooniii!!!!
Prima di riuscire a dare la giusta consistenza e morbidezza, ho dovuto provare un po' di volte, ma, alla fine, con mia grande soddisfazione, ci sono riuscita.
Sono felicissima di condividere la ricetta con voi:

Ingredienti:
250 g di Manitoba
250 di farina 00
150 g di latte a temperatura ambiente
100 g di burro a pomata
50 g di zucchero
15 g di lievito di birra
3 tuorli
1 uovo
la rapatura di un limone
1 cucchiaino di sale
burro fuso per spennellare oppure uovo sbattuto

Preparazione:
Lavorare tutti gli ingredienti (far attenzione col latte, non metterlo tutto subito, potrebbe essere troppo, dipende dal grado di umidità nell'aria) tranne l'uovo che servirà per lucidare la superficie e il burro, curandosi di inserire il sale quando il lievito si è già amalgamato alla farina.
Quando l'impasto inizia a prendere consistenza, aggiungere il burro e impastare fino a che non si incorda bene.
Con le mani imburrate, prenderlo, sistemarlo in un contenitore non troppo grande, sigillare bene con la pellicola e metterlo a lievitare tutta la notte in frigo.
La mattina successiva, tirarlo fuori e lasciarlo a riposare un paio d'ore.
Trascorso il tempo, pesare l'impasto, dividerlo in pezzature da 30/35 g l'una e formare i panini stendendo l'impasto col mattarello, ripiegarlo in 4,

allungarlo

ed arrotolarlo su se stesso.


Far lievitare i panini fino al raddoppio (circa un'oretta).
Spennellare la superficie con l'uovo intero sbattuto ed infornare a 180° per circa 15 minuti.
Lasciar raffreddare sopra una gratella.
Si possono conservare in un sacchetto di nylon per alimenti per qualche giorno, se durano...





Con questa ricetta patecipo alla raccolta: http://lacasadibetty.blogspot.com/2009/10/tutta-birra.html

39 commenti:

  1. Ahia...questi sono una tentazione!
    Che bello il tuo blog lory!

    RispondiElimina
  2. fataaaaa ben tornata!!
    Lo sono eccome, ma chissene!! :-)))
    Grazie mille per i complimenti, cerco di esprimere la mia grande passione come meglio posso. :-)
    Baci

    RispondiElimina
  3. Che belli!!! e sembrano cosi deliziosi...da inzuppare nel caffelatte... li provero sicuramente... grazie di condividere con noi la tua ricetta ;-)
    Baci

    RispondiElimina
  4. Sono bellissimi, e poi quel bel colore giallo dato dai tuorli mi piace moltissimo!
    Un abbraccione, Lory, ciao! :-)

    PS: m'è venuta voglia di panificare... ehehe

    RispondiElimina
  5. Grazie a te, Lalu, di provarla!
    Vedrai quante altre volte la proverai ancora. :-))))
    Bacioni

    RispondiElimina
  6. Elleeee. Bacioni. Grazie!!
    Eddai panifica un po' che è così bello!!

    RispondiElimina
  7. li ho sempre visti ai buffet, ma non sapevo che si chiamassero così. la ricetta l'hai spiegata benissimo, con le foto passo passo poi è perfetta!

    RispondiElimina
  8. ma che belli! avevo visto da qulache parte un'altra versione di questi ambrogini, ma sembravano dei panini di forma ovale... così arrotolati su se stessi sono molto più belli!
    Silvia

    RispondiElimina
  9. fenomenali...questi li copio negli appunti..
    Baci

    RispondiElimina
  10. Quanti arretrati che avevo: ma adesso
    me li sono mangiati tutti... con gli occhi!!!
    :)

    RispondiElimina
  11. Caspita, che golosi con la nutella!!!
    un bacione

    RispondiElimina
  12. Che meraviglia, proverò a farli per mio figlio!
    anche se finiremo per mangiarli mio marito ed io. Lui, mio figlio, dopo aver assaggiato qualsiasi pasta lievitata che non sia pane dice che è acida!
    E' successo solo una volta (avevo usato la pasta madre) ma lui dice che "lo sente dall'odore"! Sigh
    Però io insisto!
    ciao

    RispondiElimina
  13. Bellissimi gli ambrogini !!!Ciao Lisa
    http://ricettedafairyskull.myblog.it/

    RispondiElimina
  14. Che meraviglia! questo tipo di panini sono buonissimi, noi li preferiamo con nutella o marmellata....che acquolina!!!! bacioni

    RispondiElimina
  15. complimenti sono stupendi e ben riuscite!

    RispondiElimina
  16. @ lise, Grazie milla!
    Si chiamano così da noi, non so se si usino o ci siano gli stessi panini anche altrove...
    Bacioni :-)

    @ furfecchia, sì silvia, in effetti la forma originale sarebbe quella, sempre arrototati su se stessi, ma ovali e meno ciciottosi. :-)
    Grazie! Baci. :-)

    @ Elena, copia pure, mi fa piacere. :-)
    Baci

    @ federica, grazie fede!
    Bacioni

    @ scary, annaaaaaaaa!!! Che felice di rivederti dopo tanto!! Hai visto il blog? Sono stata bravina? Ho sfruttato tutte le preziose dritte che mi hai dato all'inizio. ;-)
    Ci tengo a sapere cosa ne pensi, lo sai.
    Un affettuoso abbraccio.

    @ manu e silvia, sono golosi sì, ma anche col crudo e col salame. Poi il contrasto col salato rende ancor di più. ;-)
    Baci di ritorno a voi. :-)

    @ Ste, come ti capisco!! Anche mio figlio si era puntigliato che non voleva i miei lievitati perchè pensava fossero tutti con la madre! Sentiva il gusto anche dove non la mettevo! E se puntano i piedi loro, si sa, non c'è proprio niente da fare!! Questi, per il tipo di lievitazione e il poco lievito, anche nei giorni successivi, non rilasciano il gusto forte del lievito di birra e rimangono gradevoli al palato.
    Provali e poi dimmi. ;-)
    Grazie e bacioni

    RispondiElimina
  17. @ Lisa, grazie e grazie anche per essere passata da me, ho sbirciato in fretta e furia anche il tuo blog, appena mi libero lo vado a leggere meglio, mi piace molto. Belle foto, quello che non sono capace io.
    Complimenti.
    Baci :-)

    @Tortino al cioccolato, voi siete Venete e li conoscete ;-)
    Bacioni :-)

    @ Mary, grazie mille!!
    Un abbraccio :-)

    RispondiElimina
  18. mamma mia che meraviglia e che attentato !!!!!!! Lory domani li metto in lavorazione e ti faccio sapere, ma sono sicura della riuscita :)

    RispondiElimina
  19. Non sapevo che si chiamassero Ambrogini, ma sono convinta che siano deliziosi! Appena possibile li proverò, grazie. Ciao

    RispondiElimina
  20. @ grazia preparali ai "bambini" una volta e li dovrai preparar sempre... :-))
    Bacioniiiiii

    @ Milù, grazie, poi mi sai dire, ma so già che ti piaceranno. ;-)
    Buona giornata. :-)

    RispondiElimina
  21. Ciao! da me ci sono dei premi per te!

    RispondiElimina
  22. wow che buoni!!! adoro fare i livitati li proverò certamente!!! i tuoi sono deliziosi!!! baci!!

    RispondiElimina
  23. Ma son bellissimi. Proverò a rifarli perchè mi hanno davvero incuriosito. Grazie!

    RispondiElimina
  24. Bellissimissimi!! Davvero, sei stata bravissima!!Complimenti =)

    RispondiElimina
  25. Cara Lory sei unica !!! proverò sicuramente a farli.Ma volevo chiederti la manitoba,è la farina "0"tipo americana? dove la posso trovare?un bacione a presto!!

    RispondiElimina
  26. Non li conoscevo e devo dire che mi è venuta voglia di provare a farli.
    Grazie e buona serata

    RispondiElimina
  27. @ furfecchia, grazie silvia, sono passata poco fa :-)

    @ katty, hai ragione, adori anch'io i lievitati. Provali katty, non rimarrai delusa. ;-)

    @ Antonella, vedrai che la tua curiosità sarà soddisfatta. :-)
    Grazie Anto!

    @stella, grazie, piccola! (posso chiamarti teneramente così? :-) )
    Bacioni

    @ carina, e meno male che sono unica, carina!! :-))))
    Sì la manitoba è proprio quella, si trova al supermercato, qui a Venezia neanche in tutti. Va bene anche la 0. ;-)

    @ 77mele, grazie a te per provarli :-)
    Buona notte. Baci :-)

    RispondiElimina
  28. Oltre a tante belle ricettine sì, ho trovato anche gli "smanettamenti" al blog!
    Ti stai muovendo proprio bene!
    Il titolo mi piace, essenziale e senza tanti fronzoli distraenti (come quei pasticci che metto io!), e poi la fragola è proprio uno dei simboli della tentazione di gola!
    Ho notato anche i nuovi gadget e tutta l'elaborazione nella colonna di destra: perfetto!!!
    Però... un dubbio: mi stai per caso diventando milanista???
    Tutto nero... tutto rosso... se se ne accorge la sciura meneghina si disallega!!!
    :D

    RispondiElimina
  29. Anna milanista NOOOOOO, non ci possiamo disallegare, siamo come le gemelle siamesi :-))) e poi sono interista anch'io, ma che ci posso fare se i colori mi piacciono? Sono i colori delle tentazioni...seeeexiiii!! ;-) Ahahahah!!
    Per tutto il resto, grazie, mi fa molto piacere il tuo parere positivo.
    Un abbraccione e un bacione. :-)

    P.S. I tuoi non sono pasticci, sei una grande artista e gli artisti non pasticciano, mai!
    ;-)

    RispondiElimina
  30. Sofficiosiiiii :-)))

    Lory senti un pò...se volessi farli per mio fratello e quindi dovessi congelarli... come sarebbe meglio fare?
    Congelarli cotti o crudi?
    cotti: scaldarli nel micro o nel forno?
    crudi: metterli in forno congelati, o sarebbe meglio farli scongelare?

    Le domande ti bastano? hahhahaha
    Besosssssss :-)))

    RispondiElimina
  31. Allora, io ti consiglio di cuocerli e congelarli, poi metterli, da congelati, nel forno bello caldo, ma spento.
    Congelarli a crudo, è un rischio perchè quando hai finito di formare gli ultimi, i primi sono già in piena lievitazione. :-)
    Ho soddisfatto tutte le tue richieste???
    Sennò...sai come e dove trovarmiiiii!! Ahahah!!
    Bacioni

    RispondiElimina
  32. Che buoni... voglio provarli!

    RispondiElimina
  33. Grazie! Ti piaceranno sicuramente! ;-)

    RispondiElimina
  34. Caspita, sono bellissimi questi ambrogini....e sicuramente morbidi e deliziosi! complimenti!!!

    RispondiElimina
  35. Micol, scusa, non mi ero accorta del tuo intervento e ti ringrazio solo ora. :-)
    Un bacione.

    RispondiElimina
  36. Ciao.volevo sapere cosa intendi quando dici che bisogna piegare in 4?? Uff nn riesco proprio a capirlo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusami se non ti ho risposto prima, credevo di aver pubblicato il tuo precedente commento ed averti già risposto. Piegare in 4 vuol dire proprio piegarlo 4 volte su se stesso: a metà, poi a metà...e così via. Lo fai per tutti i pezzi che hai (così si riposano tutti allo stesso modo, questo serve per dare una forma regolare e per la spinta verso l'alto della lievitazione). Poi riprendi il primo, lo tiri col mattarello, come da foto, e lo arrotoli su se stesso. E così via.
      Mi scuso se il linguaggio non è chiarissimo, ma questa è una ricetta vecchia e l'esperienza era di gran lunga inferiore a adesso. Se hai bisogno, contattami pure.
      Buona giornata... Come ti chiami? :)

      Elimina
  37. Ok grazie per la spiegazione..cmq sono mari

    RispondiElimina

Il tuo commento è sempre gradito. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...